DSCN3397

Vista di Gourdon

Il percorso che parte da Gourdon e arriva a Vence offre spunti molto interessanti della Costa Azzurra. Anche se abbastanza battuto, è un pò fuori dai percorsi tradizionali lungo la Costa Azzurra. Molto frequentato dai ciclisti per la strada impegnativa, è l’ideale per fare un giro non troppo lungo nell’entroterra della Costa Azzurra.

Gourdon

Gourdon è un piccolo village perché arrocato a “nido d’aquila”. Dalla piazza si gode una vista incomparabile della valle del Loup e sul mare. L’occhio spazia libero su tutto il golfo che fa da Nizza ad Antibes.

Si arriva a Gourdon prendendo la strada interna che dalla litoranea porta a Grasse e, passando per Le Bar-sur-Loup, si sale in direzione di Gourdon. Avvicinandovi non mancate di fermarvi sullo spiazzo da cui si può ammirare il villaggio arroccato.

La strada principale di Gourdon

La strada principale di Gourdon

Gourdon è veramente minuscolo, in pratica una via principale che dall’ingresso fortificato porta alla terrazza della piazza principale, ed una via parallela collegata alla strada principale da un vicoletto.

La strada maestra è piena dei soliti negozietti che vendono prodotti artigianali, abbastanza comuni nei paesini della Costa Azzurra. Onnipresenti i gatti che convivono pacificamente con i cani; dal punto di vista degli animali, i Francesi sono avanti cent’anni; il cane può entrare ovunque e se ti siedi in un café oppure in una brasserie, prima di servirti ti chiedono se il cane ha sete…

Se volete fare una foto della vista dovete andarci sul tardi perché il sole basso, non facilita la fotografia. Dato che Gourdon è a 760 metri sul mare, è anche facile che il sole rifletta sull’acqua, per cui a seconda della stagione la fotografia potrebbe risultare sottoesposta.

Le Gorges Du Loup

Riprendendo la D3 da Gourdon, si scende verso la D6 per circa 6,5 KM. Arrivati al bivio girate a destra e poco dopo arriverete alle Cascade de Courmes.

Le Cascade de Courmes

Le Cascade de Courmes

Per visitarle è necessario pagare l’incredibile prezzo di un euro a persona, ed è singolare il metodo. C’è una macchinetta che sblocca un tornello che dà accesso appunto alle cascate. Sono molto particolati, e meritano la fermata. Ad inizio autunno non sono molto “grasse” ma sicuramente in primavera offrono uno spettacolo che merita.

Riprendendo la strada si passa per Tourrettes-sur-Loup, altro centro medioevale posto su un altopiano. Sfortunatamente quando siamo passati noi c’era una fiera ed il traffico era bloccato, per cui abbiamo optato per tirare diritto (ed anche quello non è stato facile, visto che la strada è stretta ed i geni che parcheggiano sulla curva abbondano anche tra i Francesi).

Vence

Vence è già più cittadina rispetto a quanto visitato finora. Considerando che Gourdon e Tourrettes-sur-Loup insieme fanno circa 4.000 abitanti e Vence da sola ne fa 17.000, si può ben capire la differenza.

Al centro della città moderna sorge l’incantevole città medioevale, circondata da solide mura di pietra. Arrivando dalla Place du Frene si entra per la Portede Peyra. Subito fuori dalla porta sorge un enorme frassino; la leggenda dice che fu piantato dal re François I.

Place Godeau

Place Godeau

Bellissime le piazzette interne, alcune ingombre di ristoranti e brasserie, ed i vicoli, interessante quello che porta alla Place Clemenceau dove sorge la cattedrale del 4° secolo, costruita su un tempio romano, di cui si può ancora ammirare un muro con iscrizioni in latino dell’epoca.

Proseguendo lungo il muro si arriva al Passage Cahours, due archi che danno sulla parte “residenziale” della città medioevale, popolata da una comunità di origine levantina. Proseguendo lungo la strada si arriva all’incantevole Place Godeau, dove ci si può sedere all’ombra degli alberi e gustare la calma della vita di paese, circondati da mura del XII secolo.

Anche se adombrata dalla più famosa St-Paul-De-Vence, la cittadina medioevale di Vence non è per questo meno attrattiva.

Una nota divertente sono le agenzie immobiliari della zona. Le foto di ville spettacolari in pietra, tutte rigidamente dotate di piscine da sogno e prezzi inarrivabili, popolano le loro vetrine. Il bello è che se si ritorna dopo poco, le foto sono cambiate, sintomo che, come sempre nella storia, la crisi economica colpisce solo la gente normale: per i milionari che affollano la Costa Azzurra il problema non sussiste.

Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>