La baia di Marsa Shagra

La baia di Marsa Shagra

Sono alla mia prima immersione in queste acque. L’acqua è azzurro intenso ma tira un forte vento. E’ caldo ma non troppo, per cui si sta bene anche quando si armeggia con l’attrezzatura. Entriamo in acqua da terra. Certo con la muta non sento troppo la differenza di temperatura, ma quando entro in acqua, un brivio veloce mi corre per la schiena, ma passa veloce. Il mio Suunto Stinger, il computer da immersione, mi indica 24 gradi.

Mentre scendo lentamente verso il fondo a 5 metri, nel controllare la profondità, mentre compenso la pressione dell’acqua nelle orecchie, mi cade l’occhio sulla temperatura: 27 gradi. Ma come? Solitamente scendendo diventa più fredda. Qui è il contrario.

Resta comunque il fatto che l’acqua è decisamente calda, anche per Novembre. A Giugno avrei usato la muta corta da 4mm, ma mi sono portato dietro quella monopezzo da 6mm, e comunque meglio stare caldi che avere freddo. Quando sei a 20 metri, non puoi certo salire perchè fa freddo.

DSCN3576

Pronto per l'immersione

Ci immergiamo a Marsa Shagra, considerato uno dei punti d’immersione più belli della zona. La giornata non è proprio ideale. Il vento ha tirato forte nei due giorni precedenti il nostro arrivo, un pò di sfortuna mi dice l’istruttore, perchè è stato bello fino ad allora. Il solito Q, penso io. Qualche nuvola gironzola in cielo, ma la temperatura è molto piacevole, non fosse appunto per il vento. Vento che ha sollevato il mare, per cui anche il Red Sea Diving Safari, il diving del villaggio, ha avuto il suo bel daffare a decidere dove portarci, visto che il mare ingrossato non consente di immergersi ovunque.

Una delle cose belle di Marsa Alam è che molte immersioni sono da terra. Per quanto mi piaccia andare a zonzo per il mare in barca, devo ammettere che immergersi da terra è un pò più confortevole, non fosse altro per il tempo risparmiato tra sali e scendi da pulmini e barche.

Ci infiliamo in acqua dalla spiaggia e ci portiamo sui 5 metri. L’acqua è torbida, il mare ha sollevato la sabbia dal fondo. C’è anche una corrente piuttosto forte, per cui mi appiattisco sul fondo e resto vicino al reef. Quello che noto subito è che non c’è gran traffico. Di pesce ce n’è, ma niente a che vedere con Sharm. Anche il corallo non è questo granchè. Per carità, stiamo pur sempre parlando di Mar Rosso, un acquario vivente, ma di primo acchito mi aspettavo di più. Abituato a Sharm, che offre uno spettacolo che ti satura di colori e di movimento, questo sembra un pò troppo tranquillo. Una volta tornato a casa vedo che alcuni sub mi hanno preceduto di una settimana, e dalle loro foto apprendo che sono proprio stato sfortunato io, quando sono venuti loro di traffico ce n’era parecchio.

Seguiamo il reef verso sud fino a 17 metri, e poi torniamo sui nostri passi risalendo con calma, ma la situazione non cambia molto. Nella Sharks Bay di Sharm mi ricordo che dovevamo fare lo slalom tra i pesci leone; qui ne avvistiamo uno, ben nascosto sotto ad un corallo. Tanti coralli di fuoco, qualche bella madrepora con la sua classica forma a fungo. Una cernia cerca di mimetizzarsi in un grosso corallo di fuoco.

Passiamo sopra ad un pesce coccodrillo ben mimetizzato ma visibile, un paio di trigoni maculati, ma niente di più.

Tende del vicino villaggio

Tende del vicino villaggio

Anche i miei compagni d’immersione, commentando quanto visto mentre ci cambiamo, non sono più di tanto entusiasti. Mentre parlo con un giovane belga, mi dice che il consenso generale è che il reef stia morendo. Di questo ne sono sicuro, visto l’alterarsi della temperatura dell’ambiente, ma francamente speravo che non fosse così evidente. Di certo una bella immersione, ma non sono sicuro che questa, come dire, tranquillità sia solo dovuta al riscaldamento.

Temo, ma le prossime immersioni me lo confermeranno, che un pò il periodo dell’anno, un pò il mare dei giorni precedenti, un pò appunto lo sfruttamento turistico, temo dicevo che tutto questo abbia concorso a spopolare un pò la zona.

Spero di rifarmi nelle prossime immersioni…

Tags: , , ,

Leave a Reply

Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>