La spiaggia di Aqaba

Credo che il titolo più indicato per questo post sia “Noia ad Aqaba”, altro che relax.

Avevo pianificato di fare un’immersione, ma il mare è inavvicinabile, tra che fa freddo e tira un vento teso e gelato, tra che l’acqua è tutto tranne che calda. Alla fine ci rintaniamo a bordo piscina per il resto della giornata. Per fortuna che ho dietro il mio Kindle, e leggi che ti leggi, inizio e finisco un libro intero (Digital Fortress di Dan Brown).

E come noi molti altri turisti sono nella stessa situazione. Più che altro Russi. Ricordo che Mohammed ci diceva che Aqaba è tra le loro mete preferite.

La sera giriamo per Aqaba, ci porta la navetta dell’albergo. Niente di che, bruttina come il resto, nessuno spunto particolare, almeno ci godiamo un ottimo frullato di frutta e ceniamo praticamente soli in un ristorantino locale a buon mercato ma dall’ottima cucina.

Rientriamo in albergo grati che la giornata di noia sia finita. Se fosse stata primavera avremmo capito, ma d’inverno ci hanno fatto sprecare una giornata che avremmo potuto tranquillamente passare al Wadi Rum. Se dovesse capitarvi di andarci in quel periodo, siete avvisati.

Sono comunque riuscito a scattare qualche foto curiosa, non che il posto offra chissà quali soggetti. Dalla noia ho perfino fotografato la palma sopra di me.

Trovate tutte le foto nella galleria

Tags: , ,

I commenti sono chiusi.